Ago 24, 2009 - Senza categoria    No Comments

Inquinamenti

Inquinamenti.flv    

Sembra così lontano ed invece é più vicino che crediamo. La domanda é una, tutto questo é indispensabile , pur di continuare a non privarci di energia? Vediamo un .

Ogni anno il sole irradia la terra di 19.000 miliardi di T.E.P. . Ogni TEP equivale a quello che é in grado di fornirci una tonnellata di petrolio La domanda sulla terra e di circa 9 miliardi di TEP (ATTENZIONE ALLE CIFRE).

 Adesso stringiamo il cerchio sull’Italia. Nel 1992 (ultimi dati in possesso) il consumo pro-capite di energia in Italia é stata di 4310 kWh all’anno. Arrotondiamo questa cifra a 5.000 .

 Per produrre 5.000 kWh l’anno, bisogna istallare 28 pannelli dalla grandezza cadauno di m 1,658 . 0,834 (fonte: Conchiglia Energia-Salare) per un totale di metri quadrati 1,382772, se quest’area la moltiplichiamo per i 28 pannelli che ci servono il totale e di metri quadrati 38,717616 arrotondiamo a 40 metri quadri. Questo é lo spazio che serve per l’autonomia energetica per un italiano, ma di italiani se ne contano 60 milioni.

L’Italia è stata il secondo paese produttore europeo e tra i principali
consumatori di amianto. Secondo le stime del CNR e di Ispesl ci sono ancora
32 milioni di tonnellate di amianto sparse per il territorio nazionale e un
miliardo circa di metri quadri di coperture in eternit sui tetti.

Un miliardi di metri quadrati, equivale a mille kilometri quadrati, più
della metà dell’area di cui a bisogno il fotovoltaico. Voi pensate che non
si trovano mile Km quadrati di tetti o spazi vari per raggiungere un simile
obbiettivo?”

 Moltiplichiamo 40 metri quadri per 60 milioni e arriviamo a metri quadrati 2.400.000.000 che convertiti in Km quadrati fa 2400. Se questo calcolo é esatto, nella Basilicata (esempio) con i suoi 9.992 Km quadrati, basterebbe addobbarne tra un terzo e un quarto di spazio per avere in Italia autonomia in materia di energia.

Inquinamentiultima modifica: 2009-08-24T05:36:00+02:00da evitamina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento