Mar 9, 2013 - Senza categoria    No Comments

Le quote rosa

 Le quote rosa sono il vero maschilismo “consentito”. Secondo me stabilire le quote rosa per legge significa, che le donne nelle stanze dei bottoni non sono in grado di arrivarci e allora gli sta anche bene che si legiferi in tal senso. Dico questo perché adesso in questo campo tutte le donne (quasi) sono coalizzate e per via dei numeri sono d’accordo anche gli uomini (i numeri in politica significano consenso). Non dimentichiamoci che in Italia fino a qualche hanno fa si votavano le preferenze, se le donne fossero così tanto alleate tra di loro, quando in una lista compariva un nominativo femminile andava votato, anche per stabilire un concetto, ma così purtroppo non è andata. Se nel 1948 ai 574 seggi della camera sono andate 39 donne non è andato molto meglio 65 anni dopo (consederato l’emancipazione femminile), che con il porcellum su 630 seggi le donne sono state 136. Ho voluto parlare all’inizio di maschilismo consentito, perché sono sicuro che le donne in nome della parità non accetterebbero mai le quote rosa sui benzinai, gommisti, idraulici ecc. Personalmente sostengo che la donna è fondamentale per la nostra sopravvivenza, qui non si tratta di una dichiarazione di un personaggio noto o meno, ma parliamo di una verità conclamata dalla natura, che potrebbe dare lo spunto per ripartire, dalla saggezza umana.

donne-in-politica1.jpg

Le quote rosaultima modifica: 2013-03-09T01:11:00+00:00da evitamina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento