Feb 5, 2013 - Senza categoria    No Comments

L’Italia che vorrei.

Piramide socialeE naturale che ognuno tenti di difendere ciò che ha. Questa forma di protezione, solitamente avviene prima ancora di riflettere se questo secondo noi sia giusto o sbagliato.

Analizziamo la tutela sul lavoro, ed il cosidetto articolo 18. Il linea di massima se una azienda è grande da avere al suo interno più di 15 dipendenti, il lavoratore può impugnare un eventuale licenziamento ed il giudice valutanto la fine del rapporto di lavoro ingiustificata può ordinarne la riassunzione.

Vorrei inserire un dato, nel 2010 è stato impugnato un licenziamento e la prima udienza è stata fissata a ottobre 2013.

Questo lo definirei un deterrente al licenziamento, qualunque fosse la causa, perché vincere o perdere in un tribunale non è mai scontato.

Ma quante persone sono effetivamente tutelate dall’articolo 18? Secondo una delle ultime ricerche ISTAT, il tessuto produttivo italiano è composto per il 95% di imprese con meno di 10 dipendenti, di cui il 65,2% a carattere individuale.

Secondo voi se questi dati verrebbero confermati al 100% dai detentori dell’art.18 cambierebbe qualcosa? No, credo proprio di no, perché ognuno di noi non è disposto a dividere il nostro acquisito privilegio con nessuno.

Ora è sensato che basti che un genitore può permettersi gli alimenti ai propri figli anche se minorenni può decidere di abbandonarli? No! Secondo me non è giusto ma è quello che succede realmente. E giusto che uno che lavori prende gli assegni familiari e chi non lavora non li percepisce? No! Secondo non è una cosa giusta ma e quello che avviene.

Ha senso buttare via centinaia di milioni di euro sotto forma di rifiuti, molti di questi riciclabili e in più pagare anche la discarica? Certamente no, ma questo è quello che succede quotidianamente.

E ora che cominci ha funzionare la bilancia della coerenza e della giustizia, facendo sentire forte che un cambiamento, anche se ha prima vista svantaggioso, conviene.


L’Italia che vorrei.ultima modifica: 2013-02-05T15:24:07+00:00da evitamina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento