Nov 16, 2012 - opinioni    No Comments

Ricchezza in Italia

banche+con+capitali.png

BANCA D’ITALIA – RICCHEZZA E DISUGUAGLIANZA IN ITALIA. Giovanni D’Alessio, febbraio 2012.

Il lavoro, dopo aver illustrato l’andamento della ricchezza complessiva delle famiglie in Italia dal 1965 al 2010, esamina come i livelli di disuguaglianza della ricchezza si siano evoluti nel corso del tempo. Secondo la ricostruzione effettuata, la disuguaglianza nella ricchezza avrebbe interrotto il suo trend decrescente all’inizio degli anni novanta, per poi risalire su livelli più elevati alla fine del secolo, mantenendosi poi stabile negli anni a seguire.

Nel panorama internazionale, l’Italia non sembra caratterizzata da una disuguaglianza particolarmente elevata della ricchezza (a differenza di quanto invece si riscontra per il reddito). Il lavoro fornisce inoltre evidenza di come la distribuzione della ricchezza si sia modificata nel corso del tempo a favore delle famiglie composte da anziani e a sfavore di quelle composte da giovani. Il capitolo esamina infine il tema dell’origine della ricchezza (risparmio, doni ed eredità, e variazioni di valore dei beni posseduti); le evidenze disponibili sono discusse anche in relazione alle opinioni rilevate presso i cittadini con specifiche indagini statistiche.

In Italia i 10 individui più ricchi posseggono una quantità di ricchezza che è

all’incirca equivalente a quella dei 3 milioni di italiani più poveri [Cannari e D’Alessio

2006]; ciò esemplifica il divario che anche in un paese sviluppato come il nostro separa i

ricchi dai poveri. Mi sembra abbastanza chiaro il divario nella ricchezza italiana.

Contemporaneamente vorrei fare un osservazione nel momento in cui scrivo il debito pubblico pro-capite e di € 33.051 (ogni italiano ha questo debito).

Eccoci trasformati, da un paese con un forte divario in termine di ricchezza ad un paese con una perfetta uguaglianza in termini di debito.

La banca d’Italia spiega chiaramente questo concetto di disuguaglianza.

Nessuno delle grandi menti che abbiamo avuto e che continuiamo ad avere, tira fuori un idea in materia di sperequazione sociale lasciando contenti più persone possibili.

QUESTO E QUELLO CHE CI VUOLE NEL NOSTRO PAESE.

Ricchezza in Italiaultima modifica: 2012-11-16T09:09:00+00:00da evitamina
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento